Blog

Vedi tutti gli articoli

Riorganizzazione aziendale più sostenibile

Maggior tutela per i lavoratori dipendenti e maggiori dilazioni per i debiti privilegiati. La norma già consentiva nel concordato preventivo, con l’autorizzazione del tribunale, il pagamento di debiti anteriori se essenziali per la prosecuzione dell’attività e funzionali al miglior soddisfacimento dei creditori. Diventa ora possibile, sempre su autorizzazione del tribunale, il pagamento delle retribuzioni dovute per le mensilità antecedenti al deposito della domanda di concordato ai lavoratori addetti all’attività di cui è prevista la continuazione. Ma non è tutto. Il legislatore ha poi effettuato un ulteriore modifica normativa portando a due anni nel concordato preventivo in continuità il termine per la moratoria per il pagamento dei creditori assistiti da privilegio, pegno ed ipoteca, salvo che sia prevista la liquidazione dei beni oggetto della prelazione.

Fonte: sole24ore 06 Settembre 2021

Segui Studio Passantino su Facebook e Linkedin per essere sempre aggiornato!