Ristrutturazioni debitorie

Ristrutturazioni debitorie

Hai debiti da stralciare o da ridefinire?

Lo Studio Passantino possiede una conoscenza particolarmente approfondita di tutti gli strumenti finalizzati a definire la situazione debitoria di un’azienda, in particolare: concordati preventivi, accordi di ristrutturazione dei debiti e piani attestati di risanamento. Lo Studio ha ottenuto nel 2019 un importante riconoscimento a livello nazionale per aver seguito incarichi di rilevante risonanza mediatica. Vanta inoltre un know-how particolarmente approfondito della normativa inerente la crisi da sovraindebitamento.

Cosa si intende per ristrutturazione debitoria aziendale?

Le crisi aziendali – contrariamente a quanto si potrebbe pensare – sono parte integrante del ciclo di vita delle imprese: le fasi negative hanno carattere strutturale e le imprese si trovano continuamente a dover fronteggiare i momenti di crisi. Questo perché il mercato non è statico, ma in continua evoluzione, e piuttosto difficile da monitorare in tempo reale.
Mancanza di liquidità o di redditività, incremento debitorio e difficile recupero dei crediti sono alcune delle tipiche dinamiche che caratterizzano la crisi aziendale. Crisi che nei casi peggiori è destinata a sfociare nell’insolvenza e nel dissesto.

Per uscire dalla crisi d’impresa ed evitare il fallimento esistono efficaci strategie di ristrutturazione debitoria aziendale: tra esse spiccano in particolare gli accordi di ristrutturazione dei debiti e il concordato preventivo.

E anche qualora intervenga l’ipotesi peggiore, ovvero il fallimento, è possibile avviare un percorso finalizzato alla cancellazione dei debiti non pagati, attraverso la procedura di esdebitazione fallimentare, oppure “neutralizzare” gli effetti negativi del fallimento attraverso una procedura di concordato fallimentare.

Inoltre, per i microimprenditori, i privati non titolari di partita IVA e le aziende agricole, è possibile avviare un percorso di esdebitazione grazie all’applicazione della legge sovraindebitamento.

I vantaggi della ristrutturazione debitoria sono molteplici. I più degni di nota sono i seguenti: i creditori possono decidere di rinunciare in tutto o in parte ai crediti vantati, oppure agli interessi maturati; l’azienda debitrice può far sospendere eventuali azioni di pignoramento in corso, può continuare ad occuparsi della gestione dell’attività aziendale, può essere esentata dall’applicazione delle norme che possono portare alla riduzione di capitale a causa delle perdite e al relativo scioglimento della società, può concludere accordi o transazioni con il fisco o con l’Inps. Inoltre, si possono richiedere dei finanziamenti funzionali a superare la crisi e, una volta ottenuto il consenso dei creditori, gli stessi non possono promuovere nuovi pignoramenti o azioni cautelari.

In cosa consiste il servizio di ristrutturazione debitoria tramite la Legge 03/2012?

I soggetti interessati da questo servizio sono i microimprenditori, le imprese agricole, o semplicemente privati non titolari di partita IVA (i cosiddetti “consumatori”).

Lo Studio Passantino è stato tra i primi studi italiani a raggiungere una forte specializzazione nella c.d. Legge Salva – Suicidi (Legge 03/2012) e ad ottenere importanti riconoscimenti a livello nazionale per aver seguito incarichi di rilevante risonanza mediatica. Possiede dunque una conoscenza particolarmente approfondita di come definire la situazione debitoria di microimprenditori, imprese agricole, e privati consumatori.Il servizio di ristrutturazione debitoria ex Legge 03/2012 consta, generalmente, di tre fasi ben distinte, finalizzate – quale punto di arrivo – alla composizione della crisi da sovraindebitamento.

ANALISI DELLA SITUAZIONE

L’obiettivo è quello di inquadrare la composizione dei debiti nonchè la situazione patrimoniale, reddituale e finanziaria del soggetto sovraindebitato.

PREDISPOSIZIONE DEL PIANO

Il piano di sovraindebitamento può essere di natura liquidatoria o di natura negoziale, a seconda di quanto è problematica la situazione del soggetto individuato.

ESECUZIONE DEL PIANO ED ESDEBITAZIONE

Consiste nell’eseguire materialmente quanto previsto nel piano. A seconda della tipologia di piano, si giunge più o meno celermente ad attuare procedura di esdebitazione.

Quali sono i reali vantaggi della ristrutturazione debitoria ex Legge 03/2012 ?

I vantaggi della ristrutturazione debitoria per microimprenditori e aziende agricole sono molteplici. I più degni di nota sono i seguenti:
  • i creditori possono decidere di rinunciare in tutto o in parte ai crediti vantati, oppure agli interessi maturati;
  • in caso di mancato accordo con i creditori, lo stralcio debitorio può essere rimesso al giudice;
  • l’azienda agricola o il micromprenditore possono:
  • far sospendere eventuali azioni di pignoramento in corso;
  • continuare ad occuparsi della gestione dell’attività aziendale;
  • chiudere accordi o transazioni con il fisco o con l’Inps;
  • richiedere dei finanziamenti come aiuto per superare la crisi e, una volta trovato l’accordo con i creditori, gli stessi non possono promuovere nuovi pignoramenti o azioni cautelari.
I vantaggi della ristrutturazione debitoria per i privati non titolari di partita IVA (i cosiddetti “consumatori”) sono i seguenti:
  • i creditori possono decidere di rinunciare in tutto o in parte ai crediti vantati, oppure agli interessi maturati;
  • in caso di mancato accordo con i creditori, lo stralcio debitorio può essere rimesso al giudice;
  • il privato inoltre può:
  • far sospendere eventuali azioni di pignoramento in corso;
  • chiudere accordi o transazioni con il fisco o con l’Inps;
  • richiedere supporto a terzi soggetti per superare la crisi e attuare il piano. Una volta trovato l’accordo con i creditori, gli stessi non possono promuovere nuovi pignoramenti o azioni cautelari.
Se sei alla ricerca di un professionista competente in materia di sovraindebitamento, contatta lo Studio Passantino per un’analisi della tua situazione debitoria.